• de
  • en
3

Usanze e cultura

Nel Chiemgau la tradizione con le sue usanze e la modernità vanno di pari passo, e anche i mestieri orma rari, come il ricamo con il calamo, la produzione di cappelli del costume tradizionale e la produzione artigianale di cesti continuano a vivere.

Storia

Le prime testimonianze di insediamenti nel Chiemgau, come oggetti di uso comune e ruderi di palafitte, risalgono all’età della pietra e del bronzo, a 5.000 – 500 anni prima di Cristo. I reperti storici si possono ammirare presso il museo Bedaium-Museum a Seebruck e il museo di Traunstein. Con l’età del ferro, anche l’estrazione del sale divenne sempre più importante, le fattorie agricole aumentarono e la zona del Chiemgau venne inglobata nella provincia romana di Noricum.

Nel Medioevo si stabilirono in questi luoghi i Bavari originari dall’Elba, i cui rituali di sepoltura sono stati scoperti grazie a scavi archeologici di tombe. Gollenshausen („Golduneshusa“) venne nominata per la prima volta in documenti storiografici nel 924, e Gstadt nel 1168, come „Gestadte“, da dove partivano i battelli per l’isola Fraueninsel.

La chiesa dei SS. Simone e Giuda di Gollenshausen risale al XV secolo ed è decorata con affreschi sulla parete esterna meridionale. I primi turisti arrivarono nel XIX secolo con la carrozza delle poste da Monaco di Baviera attraversando a piedi l’ultimo tratto da Weisham fino a Gstadt. Soprattutto pittori della Scuola di Monaco, come Max Haushofer, apprezzarono questi freschi luoghi, ma anche poeti e scrittori come Felix Dahn, Steinhel o Eugen Ortner.

Nel corso dei secoli Gstadt, Gollenshausen e soprattutto le 13 frazioni che oggi appartengono al comune, rimasero fedeli all’agricoltura, evitando l’insediamento di grandi aziende industriali – e così dovrebbe rimanere anche in futuro.

Usanze

Il calendario di eventi estivi organizzati da associazioni del costume e delle tradizioni intorno al lago è pieno di appuntamenti, e anche le orchestre di strumenti a fiato come i gruppi di ballerini in costume tradizionale non mancano.

La vita collettiva nel comune di Gstadt è molto varia, ci sono le associazioni della località di Gstadt come ad esempio “i vigili del fuoco volontari” oppure “l’associazione dei Gstadter Eissschützen”, e a Gollenshausen troviamo “il cameratismo dei soldati e guerrieri di Gollenshausen“, “l’associazione del tiro al bersaglio di Gollenshausen“ o “l’associazione dei vigili del fuoco di Gollenshausen“.

Alcune di queste associazioni hanno sede nel comune vicino, Breitbrunn, come ad esempio “l’associazione per la conservazione del costume tradizionale di montagna D`Chiemseer“ o “il circolo maschile di Breitbrunn-Gstadt“, in quanto originariamente le associazioni non erano legate al comune, ma alla parrocchia di pertinenza. Gollenshausen ha una propria parrocchia e in tal modo una organizzazione di volontariato indipendente, mentre la località di Gstadt appartiene alla parrocchia di Breitbrunn e quindi le associazioni sono spesso condivise.

Il paese di artisti, „Künstlerdorf Gstadt“

Il lago Chiemsee, con le sue pittoresche isole e i suoi incantevoli paesi attrae da sempre molti artisti, soprattutto Gstadt, con la magnifica vista sull’isola Fraueninsel e le montagne sullo sfondo. Non sorprende quindi, che molti artisti abbiano deciso di fermarsi proprio qui, facendo diventare questo luogo più famoso di altri.

La pesca

Ancora oggi la pesca sul lago Chiemsee rappresenta una vivace attività commerciale di grande tradizione, dato che molti pescatori di professione continuano a praticarla da generazioni. L’acqua del lago Chiemsee ha la qualità dell’acqua potabile, e anche i pesci lo notano: si possono trovare ben 28 specie di pesce diverse come il coregone, il persico, la scardola, il luccio, l’anguilla, il pesce gatto e la luccioperca. Attualmente esistono ancora 16 famiglie che vivono esclusivamente della pratica della pesca. Una famiglia pesca circa fra gli 80 e i 100 quintali di pesce all’anno dal lago Chiemsee. La continuità della specie viene assicurata dall’introduzione di giovani pesci da parte dei pescatori. Il pesce da spuntino tradizionale del Chiemsee è il coregone che si può assaggiare preparato in varie maniere, alla griglia su un bastone, come aringa oppure al forno.

I costruttori di barche sul lavoro (Foto: © Ulli Seer)

I costruttori di barche sul lavoro

Processione del Corpus Domini (Foto: © Ulli Seer)

Processione del Corpus Domini

Durante l’allestimento dell’albero di maggio, Maibaum (Foto: © Ulli Seer)

Durante l’allestimento dell’albero di maggio, Maibaum

Atmosfera di festa (Foto © Ulli Seer)

Atmosfera di festa

Tel.: +49 (0) 8054 442   ·   Email: info@gstadt.de         
Alloggio:
Alloggio:
Tel.: +49 (0) 8054 442   ·   Email: info@gstadt.de       

Quick Info